martedì 19 marzo 2013

"ciao Ntonetta"

...hai deciso di lavorare lontano dalla tua famiglia, per potermi offrire un futuro migliore...
...mi hai sempre insegnato che, anche se imbracciavi un fucile, le armi sono pericolosissime...
...quando ti arrabbi urli come un pazzo, ma in un attimo passa tutto...
...molte volte ti ho fatto arrabbiare ma mi hai sempre perdonata...
...non ti arrabbi se non supero un esame, anzi mi consoli dolcemente...
...non parliamo molto, perché non ne abbiamo bisogno, visto che siamo molto simili...
...ogni anno è sempre più difficile vederti partire...e mi saluti con una carezza e un "ciao Ntonetta mia!"
Grazie Pà!

Nessun commento:

Posta un commento

Voi che ne pensate?